Vacanze al mare in Sicilia: guida alle spiagge più belle dove andare

La Sicilia è una delle isole più belle del Mediterraneo, grazie al suo mare cristallino, al buon cibo e agli innumerevoli luoghi di interesse da visitare. Se state organizzando le vostre vacanze al mare in Sicilia, ecco una guida essenziale alle spiagge più belle, a cosa vedere nei dintorni, dove alloggiare e dove mangiare le specialità del posto.



Quando, in un'intervista, chiesero al celebre scrittore siciliano Andrea CamilleriCosa ti manca della Sicilia?”, lui rispose semplicemente “U scrusciu du mari.” (il rumore del mare). E come biasimarlo? Il mare della Sicilia è di una bellezza incredibile e offre ancora scorci di natura  incontaminata da scoprire. Sì, ma quali sono le spiagge più belle della Sicilia in cui vale davvero la pena di trascorrere una vacanza? Scopriamo insieme dove andare, valutando non solo la qualità della spiaggia, ma anche i luoghi di maggiore interesse nei dintorni, la cucina locale e dove alloggiare affinchè le vostre vacanze al mare in Sicilia diventino un'esperienza indimenticabile.

Spiagge Sicilia: ciottoli o sabbia, qual è la tua preferita? 

Spiaggia di San Leone, Agrigento
Le coste della Sicilia hanno un'estensione che supera i 1600 km, tra promontori frastagliati, calette seminascoste nella macchia mediterranea e spiagge di sabbia dorata oppure di ciottoli levigati dalle onde del mare. Se cercate le spiagge in Sicilia con sabbia, tra le mete più consigliate spiccano le spiagge del litorale sud-orientale dell'isola che si estende da Realmonte (nell'agrigentino) sino a Porto Palo e Marinella di Selinunte, nel comprensorio della Riserva naturale integrale del Belice: un'estensione quasi ininterrotta di sabbia finissima e dune naturali, così somiglianti alle coste africane, circondate da canneti spontanei. Spiagge di sabbia dorata anche sul versante orientale, tra Pachino e Noto, in cui Calamosche è una delle spiagge più belle e incontaminate della Riserva naturale di Vendicari. Sabbia finissima e bianca a San Vito Lo Capo, nella punta estrema occidentale dell'isola, e a Capo Bianco, tra Agrigento e Sciacca.
Al contrario, se amate le spiagge con ciottoli e quindi la trasparenza del mare cristallino, la scelta cade immediatamente su Taormina e le località limitrofe come Giardini Naxos o Letojanni: forse un pò troppo turistiche ma di una bellezza da togliere il fiato. Così come tutto il litorale messinese e la costa tirrenica da Milazzo a Tusa (quest'ultima premiata con la Bandiera Blu 2019 del FEE). E se non bastasse, la costa catanese è l'unica ad avere spiagge di roccia vulcanica, scure, frastagliate e un pò pericolose, ma di un fascino unico, come quelle ai piedi della fortezza di Acicastello e nei dintorni di Acitrezza.

Giardini Naxos: spiaggia in roccia vulcanica (foto: A.Galante)

Le 5 spiagge più belle della Sicilia: dove andare in vacanza 

Quali sono le più belle spiagge della Sicilia? In questa guida (del tutto personale) non prenderemo in considerazione solo la qualità della spiaggia e del mare, ma anche i luoghi di interesse nei dintorni, le soluzioni più economiche o più chic dove alloggiare e i piatti tradizionali della cucina del posto, da degustare tra un bagno e l'altro durante le vostre vacanze al mare in Sicilia.

SAN VITO LO CAPO 

San Vito Lo Capo

Senza dubbio tra le spiagge siciliane più belle e dal profilo riconoscibilissimo, dominato dal Monte Monaco, San Vito Lo Capo si trova in provincia di Trapani ed è un vero paradiso: sabbia finissima e bianca mista a ciottoli e ghiaia, mare di una trasparenza quasi irreale, tale da paragonarla ad un'isola tropicale, incorniciata dal verde di una rigogliosa macchia mediterranea. La spiaggia del Bue Marino, considerata tra le più belle d'Italia, si contraddistingue per la sua natura ancora incontaminata, incastonata tra il mare e la montagna. Poco distante, la spiaggetta dell'Isulidda è il paradiso degli appassionati di immersioni subacquee e degli esploratori, grazie alla presenza di diverse grotte. E sempre a proposito di grotte, se amate la preistoria, potete visitare la grotta dell'Uzzo, abitata già ai tempi del neolitico e sede di una necropoli preistorica.

Cosa vedere a San Vito Lo Capo e dintorni: la Riserva dello Zingaro

NEI DINTORNI: Seguendo la lunga costa frastagliata che parte da San Vito Lo Capo ci si trova immersi nella Riserva dello Zingaro, tra calette di ciottoli bianchi e foreste di palme nane. Da non perdere la Tonnara di Scopello, col suo mare color smeraldo, oppure una visita ad Erice, il borgo medievale dall'alto dei suoi 751 m, da cui ammirare un panorama mozzafiato sul Tirreno e sulle isole Egadi.
COSA MANGIARE: San Vito Lo Capo è la capitale del cous cous, sede ogni anno a settembre del Cous Cous Fest: a base di pesce (come vuole la tradizione siciliana) o di verdure, non troverete un cous cous migliore in tutta la Sicilia, da degustare in uno dei ristorantini tipici del paese.
DOVE ALLOGGIARE: se siete degli intrepidi della vacanza fai-da-te, San Vito Lo Capo è attrezzata di aree per camper e roulotte (Monte Monaco Parking). Soluzioni economiche di case vacanza in Sicilia a San Vito Lo Capo a partire da 400-500 euro a settimana in alta stagione.

SCALA DEI TURCHI

Vista sulla spiaggia della Scala dei Turchi, Realmonte (AG)

La Scala dei Turchi è una spiaggia libera più unica che rara, riconoscibile per la sua caratteristica conformazione a gradoni di marna bianca (un misto di argilla e roccia sedimentaria di origine calcarea) plasmata dal vento e dal mare. Situata nei pressi di Realmonte, in provincia di Agrigento, domina tutto il litorale tra Porto Empedocle e Capo Rossello, facendo da cornice a piccole calette di sabbia dorata tutto intorno. Citata spesso nei primi romanzi del Commissario Montalbano, deve il suo nome suggestivo alla leggenda che voleva i pirati saraceni (chiamati "turchi" in maniera dispregiativa dai siciliani) attraccare su queste spiagge per poi arrampicarsi per la scalinata naturale e depredare i paesi del circondario.
NEI DINTORNI: oltre alle spiaggette limitrofe di Giallonardo, Pergole o Punta Grande, la zona di Realmonte e della Scala dei Turchi è un ottimo punto di riferimento per esplorare il litorale agrigentino che si spinge fino ad Eraclea Minoa e Marina di Selinunte. Da visitare: Sciacca, Porto Empedocle e la casa-museo di Pirandello, la città di Agrigento e l'immancabile Parco Archeologico della Valle dei Templi. Sempre nei pressi di Realmonte, ma ancora poco nota, la Villa Romana di Durrueli, con bellissimi pavimenti in mosaico.

Cosa vedere nei dintorni della Scala dei Turchi: la Valle dei Templi di Agrigento

COSA MANGIARE: se vi trovate dalle parti di Realmonte, non mancate di assaggiare alcuni dei piatti tipici della zona, come i cuddriruni (focaccia ripiena di verdure, patate, pomodori e ricotta) o i mugliulati (pasta di pane ripiena di carne di maiale, cavolfiore, olive e pecorino), perfetti come finger-food da assaporare sulla spiaggia.
DOVE ALLOGGIARE: molte le strutture ricettive nei pressi della Scala dei Turchi o, se volete organizzare una vacanza al mare in Sicilia di più ampio raggio, in hotel o B&B ad Agrigento bassa (Villaggio Mosè) a partire da 55 euro a camera.

TAORMINA

Isola Bella, Taormina

Taormina è forse la spiaggia siciliana più nota nel mondo, non solo per il suo mare ma anche per lo scenario che la sua posizione a strapiombo sullo Ionio rende di una bellezza straordinaria. Cosmopolita, elegante e al centro delle località balneari più chic ed esclusive dell'isola, Taormina non è solo spiaggia e mare, ma anche cultura, storia e natura. La cittadella gode di una posizione dominante su tutto il litorale ionico tra Catania e Messina, con un panorama mozzafiato che si staglia dalle falde dell'Etna a sud fino alle coste della Calabria a nord. Il mare è cristallino e di un tenue color smeraldo, enfatizzato dai bassi fondali di ciottoli e sassolini che permettono di raggiungere a piedi anche Isola Bella, l'isolotto riserva naturale dal 1998, avvolto da una lussureggiante vegetazione esotica mista a macchia mediterranea. Tra le spiagge più belle di Taormina spiccano Mazzarò (raggiungibile con la funivia), Letojanni e la vicina Giardini Naxos, ma se state cercando qualcosa di più originale, basta spostarsi in auto di qualche chilometro verso l'interno, per raggiungere le Gole dell'Alcantara, balneabili ed esplorabili soprattutto nel periodo estivo.

Cosa vedere a Taormina: il Teatro Greco. Sullo sfondo, il profilo dell'Etna

NEI DINTORNI: non occorre spostarsi molto lontano per trovare luoghi di interesse in Sicilia davvero unici e importantissimi. Prima fra tutti, è d'obbligo visitare Taormina e il suo centro storico (la Cattedrale, la Torre dell'Orologio,  Porta Messina e Porta Catania), il Teatro Greco, Palazzo Corvaja (sede di mostre ed eventi culturali) e fare una passeggiata nella bellissima Villa Comunale, un tempo giardino della villa di una lady inglese. A fine giugno Taormina organizza il Taormina Film Fest, che attrae ogni anno divi del cinema da tutto il mondo.
Dedicate una giornata delle vostre vacanze in Sicilia a Castelmola, piccolo borgo medievale che sorge ancora più in alto rispetto a Taormina, e magari a una puntatina a Catania, alla scoperta della sua Cattedrale e del suo bellissimo centro storico barocco. E se volete godere da vicino di uno spettacolo unico al mondo, una gita sull'Etna (Rifugio Sapienza) è da non perdere.

Gole dell'Alcantara

COSA MANGIARE: la cucina taorminese ha radici profonde e molte influenze. Se vi trovate in Corso Umberto I, notoriamente la via dello shopping di Taormina, fate una sosta in una delle tante botteghe e pasticcerie artigianali per assaggiare i dolci di marzapane e la frutta martorana. Cucina a base di pesce e in particolare la mpanata di pesce spada.
DOVE ALLOGGIARE: Taormina è una località balneare d'elite: i prezzi sono un pò più alti rispetto alla media, quindi spesso è consigliabile scegliere di pernottare o alloggiare nei paesi limitrofi (Giardini, Letojanni, Sant'Alessio), dove i prezzi sono un pò più abbordabili, oppure a Taormina sud.

MARZAMEMI

Marzamemi

Se siete stanchi dei grandi centri balneari, Marzamemi è il tipico e tranquillo villaggio di pescatori, a soli 2 km da Pachino, in provincia di Siracusa. Località suggestiva, che conserva ancora intatta tutta la sua "sicilianità", si trova a poca distanza dalla Riserva Naturale di Vendicari, tra antiche tonnare di epoca araba e torri di avvistamento. La spiaggia è sabbiosa e soffice e il lungo litorale si spinge fino a Noto. Consigliata la spiaggia dell’Isola delle Correnti, dove si incontrano Mar Ionio e Mar Mediterraneo, e l'Isola Piccola, proprio di fronte al porto, in cui sorge la villa dei Brancati (dove soggiornò per qualche tempo anche Vitaliano Brancati). Oppure spingersi in barca fino a Fontane Bianche, la più bella spiaggia di Siracusa, o nella più "gettonata" Calamosche, presso Noto.

Cattedrale di Noto

NEI DINTORNI: vista la sua posizione centrale, da Marzamemi è possibile visitare a pochi chilometri di distanza, la città di Noto, nota per il barocco siciliano, e più a nord, la città di Siracusa. Se volete addentrarvi più all'interno o ancora più a sud, nella punta più estrema dell'isola, vi ritroverete nei luoghi di Montalbano, tra Scicli, Modica e Marina di Ragusa.
COSA MANGIARE: molte le specialità ittiche tipiche di questa zona, come la bottarga e la ventresca di tonno rosso, meglio se accompagnati dal pomodorino di Pachino e dal Nero d'Avola, dai vitigni autoctoni del territorio.
DOVE ALLOGGIARE: non mancano hotel e resort, soprattutto nel comprensorio di Noto e Pachino, dove il prezzo medio per una camera si aggira intorno ai 90 euro. Se invece volete restare nei dintorni del villaggio, la soluzione più economica resta la casa vacanza.

MONDELLO

Mondello

Non è una vacanza al mare in Sicilia se almeno una volta non hai fatto il bagno a Mondello. Meta preferita dai palermitani, dista dal centro di Palermo solo pochi chilometri ed è incastonata tra due promontori (Monte Pellegrino e Capo Gallo) che ne fanno una spiaggia di sabbia bianca suggestiva e alla moda. Elegante è il termine giusto per descriverla in quanto da malsano borgo di pescatori venne trasformato alla fine dell'Ottocento in un bellissimo stabilimento balneare, circondato da almeno 300 ville in stile liberty di proprietà delle famiglie più facoltose di Palermo. Di quell'epoca d'oro è rimasto abbastanza e Mondello conserva ancora la sua aurea di esclusività: il vecchio stabilimento, restaurato recentemente, è ora sede del Circolo Nautico e del ristorante Charleston, mentre nei dintorni sono sorti hotel e ristoranti esclusivi che ne fanno una località balneare di un certo livello, sebbene, in alta stagione, diventi super-affollata di turisti e residenti.

Mondello, stabilimento balneare in stile liberty

NEI DINTORNI: tra una nuotata e l'altra, una visita a Palermo è d'obbligo: la Cattedrale, la Cappella Palatina, il Teatro Massimo e Monreale sono solo alcuni dei luoghi di interesse da non perdere. Se siete muniti di auto a noleggio, potreste spingervi verso est ed esplorare la costa tirrenica, da Bagheria fino a Cefalù o Castel di Tusa, tra le spiagge più belle della Sicilia.

Cosa vedere a Palermo: la Cattedrale

COSA MANGIARE: sarebbe più rapido elencare cosa NON mangiare: la cucina palermitana è l'essenza della cucina siciliana in generale. Dagli anelletti al forno agli involtini di pesce spada, fino alla cassata siciliana e alle arancinE palermitane, avrete solo l'imbarazzo della scelta. Dimenticate la dieta!
DOVE ALLOGGIARE: molte le ville in affitto durante le vacanze estive a Mondello e nei dintorni, alcune delle quali restaurate e molto eleganti: dipende dal vostro budget.

Spiagge in Sicilia: il mare degli arcipelaghi

Il più bel mare della Sicilia è anche tra le isolette dei suoi arcipelaghi: dalle isole Eolie a Pantelleria, da Lampedusa alle Egadi, sono un vero paradiso naturalistico e balneare. Tra le spiagge più belle e incontaminate, la spiaggia dei Conigli (o isola dei Conigli) a Lampedusa: acqua color turchese, spiaggia bianca e una temperatura costante tutto l'anno.

Isola dei Conigli, Lampedusa

E poi: Pollara, nell'isola di Salina (Eolie), tra il giallo ocra delle rocce di tufo e il fondale vulcanico di ciottoli neri, dove il mare cambia colore in base alle ore del giorno; Cala Rossa a Favignana, una delle spiagge più belle a livello europeo, riserva marina e di una bellezza paragonabile ai mari tropicali; Cala Junco a Panarea, un anfiteatro di roccia naturale ad incorniciare un mare azzurrissimo e un litorale insolitamente rossastro; ed infine l'Arco dell'Elefante, la spiaggia simbolo di Pantelleria, somigliante alla testa di un elefante gigantesco: costa rocciosa ma liscia con un mare limpidissimo.

Cala Junco, Panarea

Photo credits: Wikimedia Commons / Flickr Creative Commons

16 commenti:

  1. Ciao, io sono di Siracusa e la spiaggia di Calamosca è la mia preferita in the world. Ovviamente anche Vendicari e San Lorenzo ma con Calamosca c'è proprio un grande amore. Invece non ho mai visto quella di Scala dei turchi.

    RispondiElimina
  2. Il mare in Italia è davvero bellissimo e la Sicilia ha delle spiagge bellissime, forse più belle della mia Liguria! :)

    RispondiElimina
  3. Rimane un'emozione vedere quanto la gente ama la mia terra! La riserva dello Zingaro sicuramente rimane la più bella secondo me, come Cala Rossa a Favignana!

    RispondiElimina
  4. Un'isola magica! E queste sono solo le spiagge, non parliamo della bellezza delle sue città! Davvero, comunque un bellissimo elenco e foto meravigliose, complimenti.

    RispondiElimina
  5. Io sono stata a Taormina da parenti ed è meravigliosa. Purtroppo da anni non ci vado più ma questa estate mi piacerebbe moltissimo tornarci.

    RispondiElimina
  6. La scala dei turchi è forse quella che più mi stuzzica. Ma devo ammettere che è davvero difficile sceglerne una sola!

    RispondiElimina
  7. Non sono mai stata in Sicilia ma provo un amore fortissimo per questa terra così piena di storia e bellezza. Non saprei davvero quale luogo scegliere tra quelli descritti ma se proprio devo opto per i giardini Naxos e la piccola Marzamemi.
    Maria Domenica

    RispondiElimina
  8. Abito al mare e vado difficilmente in vacanza su qualche spiaggia perché voglio cambiare ambiente ma penso che la Sicilia meriti davvero, probabilmente prima o poi mi deciderò

    RispondiElimina
  9. Il tuo articolo capita proprio a proposito, a fine mese vado a Taormina. Allggio in città in centro e scendo al mare con la funivia. Che stabilimento balneare mi consigli? Vicini eh, sono senza auto.

    RispondiElimina
  10. Non sono mai stata in Sicilia, e dalle tue foto é meravigliosa. Prima o poi ci andrò, grazie per la tua guida alle spiagge più belle

    RispondiElimina
  11. Non sono mai stata al mare in Sicilia, però vorrei proprio andarci. Diciamo che da sempre sogno di andare a Taormina, quindi credo che sarà la mia prima meta.

    RispondiElimina
  12. Che luoghi e che spiagge meravigliose, sono stata solo a Taormina, cercherò di rimediare grazie ai tuoi suggerimenti. Mia madre ha lasciato il cuore a San Vito lo Capo....

    RispondiElimina
  13. Sono stata solo nella zona di Siracusa e di Realmonte. Mi manca tutto il resto e ho una voglia pazza di girare la Sicilia in lungo e in largo. L'unico problema per me è il caldo torrido in agosto. Dovrò pianificare un viaggetto a settembre, ma devo proprio. Devo.

    RispondiElimina
  14. La Sicilia offre veramente tanto, mare, ottima cucina, pasticceria unica al mondo, un isnieme di arte storia e costumi irripetibile peccato che siamo circaondati da mministratori inaffidabili e corrotti

    RispondiElimina
  15. che meraviglia che sono queste spiagge, io personalmente prediligo le spiagge della Sicilia a quelle della Sardegna….. sono stata a Taormina l’anno scorso e il mio cuore è rimasto li

    RispondiElimina

Nel rispetto della normativa sul trattamento dei dati personali (GDPR) puoi scegliere di commentare questo post usando il tuo account Google, oppure avvalerti delle opzioni Anonimo o Nome/URL disponibili dal menù a tendina in questo form. In ogni caso, nessuno dei tuoi dati personali verrà usato dall'amministratore di questo blog nè venduto a terzi.

© 2016 A Glamorous Lifestyle by Rita Amico. Powered by Blogger.