Tipi di borse: guida ai nomi e come riconoscerle al primo sguardo

Se non sai distinguere una clutch da una minaudière e una baguette per te è solo qualcosa che si mangia, beh forse hai bisogno di una piccola guida per districarti nell'immenso universo delle borse da donna. Scopriamo quali sono i tipi di borse più comuni, impariamo a chiamarle col loro nome e a riconoscerle al primo sguardo.



"Stanca di portare le mie borse a mano e di perderle, ci aggiunsi una striscia e le misi a tracolla." e fu così che Coco Chanel portò una vera rivoluzione (una delle tante) nel mondo delle borse femminili. Oggi però diventa sempre più difficile fare una distinzione tra i vari tipi di borse, perchè considerare ad esempio una borsa a tracolla solo per la presenza di una striscia di pelle è pressocchè limitante. Sono tanti infatti i nomi delle borse da donna e spesso la differenza tra le une e le altre è davvero sottile: alcune di esse hanno una storia alle spalle, altre sono diventate iconiche grazie ai personaggi famosi che le hanno ispirate. Impariamo a riconoscerle.

 

Tipi di borse: a ogni forma il suo nome

Prima di imparare a riconoscere ogni singolo tipo di borsa femminile, occorre fare una classificazione che le suddivide in quattro categorie principali: borse a mano, borse a tracolla, borse da sera e pochette.
  • Le borse a mano, dette anche handbags, si caratterizzano per i due manici, più o meno lunghi, che spesso permettono di portarla anche a spalla. Tra i tipi di borse a mano, sempre molto capienti e dalle forme geometriche, spiccano le classiche shopping bag, ma anche i bauletti e le tote bags.
  • Le borse a tracolla, dette anche shoulder bags, si distinguono per quella cinghia di pelle o striscia di tessuto che permette di portarla a spalla o anche in maniera trasversale (crossbody bags). Spesso sono fornite anche di manici o da una maniglia unica e un pò più lunga, come le hobo bags o le satchel.
  • Le borse da sera invece hanno uno stile e un design completamente diverso, anche se negli ultimi tempi è sempre più difficile fare delle distinzioni tra borse da giorno e da sera. Tra i modelli più diffusi le clutch e le minaudière: rigide, decorate con strass o ricami e dalla chiusura a scatto, solo per le grandi occasioni.
  • Infine le pochette, uno di quei modelli di borse da donna che hanno subìto negli anni le maggiori trasformazioni: morbide, con catenella o senza manici, da portare a mano, dalle forme generalmente rettangolari o geometriche, sono sicuramente tra le più versatili.



Nomi delle borse: a ognuno il suo

Succede spesso di far confusione con i nomi delle borse, anche perchè molte di esse sono talmente simili tra loro da non distinguerle affatto. Solo l'occhio attento di una fashionista o di un fashion designer non può sbagliare, per il resto ci siamo noi, povere mortali, che tentiamo di dare il nome giusto all'oggetto del nostro desiderio.

Tote Bag Prada
La borsa più comune è la SHOPPING BAG o Shopper: con il termine anglofono ci si riferisce in sostanza a quelle borse da donna che somigliano ai classici sacchetti della spesa. Naturalmente oggi non è più così perchè, oltre a ritrovarle in tessuto o in pvc, ne esistono in materiali molto più pregiati. Le sue caratteristiche principali sono i due manici (che all'occorrenza possono essere portati anche a spalla) e la mancanza di una chiusura a zip.
La TOTE BAG invece può considerarsi la versione più capiente di una shopper, grazie ai due manici, alla forma rettangolare o a trapezio e alle dimensioni (non a caso, tradotto dall'inglese, significa "borsone"). Anche una tote bag rimane aperta all'estremità superiore oppure chiusa da una zip, ma ultimamente possiamo trovarla anche in dimensioni più ridotte, da sera.
Altrettanto capiente, ma disponibile in dimensioni diverse e con uno stile un pò più elegante, il BAULETTO: dalla forma allungata e con manici, da giorno per andare in ufficio, o da sera, solo se griffato.

La Chanel 2.55 è una borsa iconica senza tempo
Nell'universo delle borse a mano da donna, troviamo anche modelli un pò più sofisticati, dalle dimensioni più ridotte e che spesso sono un retaggio degli anni passati.
Un esempio fra tutti? La FLAP BAG, in pelle e/o trapuntata, con manico corto oppure con tracolla in catenella metallica, chiusa da una pattina, impreziosita da una chiusura a clip con il logo, come quella resa immortale da Coco Chanel e poi rivalutata in tempi più recenti da Karl Lagerfeld.

Da non confondere con una Marmont Gucci, abbastanza simile per dimensioni e stile, ma chiusa da una zip. Modello questo che si presta anche come borsa crossbody, ovvero dotata di una tracolla abbastanza lunga da poter essere indossata trasversalmente: una soluzione moderna e casual chic, adottata dai più grandi stilisti, primo fra tutti Louis Vuitton con la sua Métis con il monogramma.




Una Marmont Gucci Large, da indossare sia a tracolla che in versione crossbody

Una baguette Fendi
E se amate le borse piccole, andando un pò controcorrente, quella ideale potrebbe diventare la BAGUETTE, ovvero la versione a metà strada tra una pochette e una tracolla, creata 17 anni fa da Fendi: rettangolare, pratica e chiccosissima, da indossare sia di giorno che di sera.
Nell'universo delle borse da donna a tracolla, negli ultimi tempi si è fatto sempre più strada lo ZAINETTO: comodo, pratico, capiente e facile da portare, da accessorio casual si è trasformato, all'occorrenza, in un vero oggetto del desiderio, chic e fashion, tanto da ispirare i più grandi designer della moda. Stessa sorte è toccata al MARSUPIO, sebbene con risultati meno soddisfacenti: comodo da portare allacciato alla vita o a tracolla, non può ancora considerarsi un accessorio adatto a tutte.

Lo Zainetto: da sportivo a chic, è la borsa femminile più versatile e trendy

Saddle Bag Dior
C'è da dire però che molte delle borse femminili attingono al mondo dello sport o a stili prettamente maschili. Ne è un esempio la SADDLE BAG, ovvero una borsa a forma di sella di cavallo, tanto cara a Dior che ne ha fatto un suo baluardo dello stile, in pelle o cuoio ed impreziosita da una metalleria dorata. Sempre in tema di cavalli anche la FEED BAG, dalla linea rettangolare e allungata, con manici lunghi, somigliante alla musetta per la biada, oppure la WEEKEND, a forma di borsone con manici, in pelle o tessuto, ispirata alle sacche dei marinai.

Tra le forme più particolari che però sono diventate di gran tendenza, la SATCHEL BAG, dalla caratteristica forma a cartella, chiusa da una pattina e con manico e tracolla; il SECCHIELLO, o Bucket Bag, inventato da Louis Vuitton, chiuso da dei tiranti o aperto, da portare a tracolla; e la HOBO BAG, a forma di mezzaluna, con un unico manico da portare sia a mano che a tracolla.

Se ci addentriamo nel territorio delle borse da sera, troviamo la già citata CLUTCH e la MINAUDIERE: entrambe hanno caratteristiche simili e si differenziano per delle peculiarità davvero minime. La prima è rigida, con chiusura a scatto o a clip, spesso ornata da strass, perle o in laminato. Se morbida, diventa una POCHETTE, e va portata rigorosamente a mano. La seconda è altrettanto rigida e preziosa, ma si differenzia per la chiusura a incastro che ricorda quella dei portamonete di un tempo.

Questa borsa da sera Burberry è a metà strada tra una clutch e una minaudiére

Le it-bags, le borse da donna da collezione

La Lady Dior, la handbag creata negli anni 90 per Lady Diana
Ci sono poi tipi di borse a mano che sono entrati nella storia e che il dizionario della moda definisce "it-bags". Sono modelli immortali che negli anni hanno subìto pochissime trasformazioni e che continuano a essere sempre attuali e soprattutto preziosissime. Molte di queste sono diventate dei veri oggetti da collezione, con quotazioni che superano addirittura i 4 zeri, come la Kelly di Hermés (dedicata alla principessa Grace Kelly di Monaco) o la Birkin (sempre di Hermés) creata per l'attrice Jane Birkin.
Oltre alla stra-famosa borsa trapuntata 2.55 Chanel, sono diventate altrettanto iconiche la Lady Dior, creata apposta per Lady Diana negli anni 90, e tutte le borse Louis Vuitton: un investimento più che un acquisto, che supera i 3 zeri.

La Birkin di Hermés in pelle di coccodrillo


4 commenti:

  1. Quanti nomi, non ti nego che molti non li conoscevo mi hai aperto un mondo, anche se la mia preferita è la tote bag visto che sono alla Mary poppins

    RispondiElimina
  2. Io adoro le tote bah e le birkin e ora ho capito perché si chiamano così

    RispondiElimina
  3. il post molto interessante,io adoro shopper.

    RispondiElimina
  4. sinceramente alcuni nomi di modelli di borse non li conoscevo proprio, come per esempio satchel bags…… modello che tra l’altro mi piace tantissimo :D

    RispondiElimina

Nel rispetto della normativa sul trattamento dei dati personali (GDPR) puoi scegliere di commentare questo post usando il tuo account Google, oppure avvalerti delle opzioni Anonimo o Nome/URL disponibili dal menù a tendina in questo form. In ogni caso, nessuno dei tuoi dati personali verrà usato dall'amministratore di questo blog nè venduto a terzi.

© 2016 A Glamorous Lifestyle by Rita Amico. Powered by Blogger.